INTERVISTA ESCLUSIVA: Michael Patrick Thornton sul ritorno del dottor Fife e il giorno di San Paddy che gli ha cambiato la vita

Fife_0.jpg

Evviva Hollywood! Attore Michael Patrick Thornton torna finalmente all'ABC Pratica privata Giovedì sera dopo essere scomparsi dopo lo scioccante finale della scorsa stagione.

Thornton - che interpreta il genetista geniale ma arrogante, il dottor Gabriel Fife - è diventato uno dei preferiti dai fan dopo essere apparso in diversi episodi del dramma medico di successo della ABC.



Anche se l'astuto Michael non vorrebbe confermare che è davvero tornato nello show a partire da giovedì, abbiamo le nostre fonti!



Quindi cerchiamo di aggiornarci: l'ultima volta che abbiamo visto il dottor Fife, era coinvolto in un intricato triangolo amoroso tra il personaggio di Audra McDonald, Naomi, e il suo ragazzo miliardario malato William.

Bene, ora quel ragazzo è fuori dai giochi (è morto - oh beh!), Quindi il dottor Fife è tornato per reclamare Noami - ma ahimè, ora sta segretamente facendo sesso con il suo ex Sam, interpretato dal buonissimo Taye Diggs.



Se stai tenendo il punteggio a casa (e lo siamo!), Significa che il dottor Fife potrebbe ora trovarsi in un 'rettangolo' d'amore! Ricorda, Sam è con Addison, interpretato da Kate Walsh!

spiceend.com ha parlato per la prima volta con Michael l'estate scorsa delle sue profonde radici a Chicago, dove è il direttore artistico di The Gift Theatre - l'incidente del giorno di San Patrizio, 2003 che ha cambiato per sempre la sua vita - e del suo fantastico viaggio a Hollywood.

'C'è bisogno di cambiare le regole del gioco'

Radar: Sei un attore teatrale di Chicago, quindi come hai ottenuto il ruolo del Dr. Fife in Private Practice?



Mike: “Mi stavo frustrando a Chicago. La maggior parte delle cose per cui sono stato mandato erano per quello che chiamo, pubblicità 'sei stato ferito al lavoro' .. quelle pubblicità terribili e deprimenti che vedi su
pomeriggi infrasettimanali di qualche ambulanza che insegue uno studio legale (ride) per ottenere un accordo o qualcosa del genere, e i film che sono usciti, o gli spettacoli televisivi che avrei ricevuto una richiamata, quindi non avrei avuto il concerto, e certamente io Non direi mai che l'unico motivo per cui non sono stato scelto è che il produttore non voleva scegliere un attore con disabilità, ma di certo sono sicuro che forse ha colorato alcune delle audizioni. Ero un po 'frustrato. Ho parlato con Jeff (Jeff Perry, il suo insegnante alla School Of Steppenwolf Theatre) e gli ho detto che deve esserci una sorta di cambio di gioco in cui un ruolo deve venire avanti e la disabilità non è la tua storia .. non è quello che Chiamo 'cosa è successo alla storia di Timmy' del trionfo dello spirito umano sulle avversità, dove è solo un'altra cosa che c'è .. come i baffi (ride) .. o il tipo di macchina che guida il personaggio .. così ha detto 'lascia me ne vado, e se mai dovesse succedere qualcosa qui fuori, proveremo a farti registrare per questo. ''

(Nota: la moglie di Jeff Perry è la direttrice del casting per programmi televisivi come Grey's Anatomy, Friday Night Lights e Private Practice)

Mike continua: 'Quella conversazione è stata due anni fa in (una tavola calda) a Chicago, e in un certo senso ci siamo separati, e l'ho diretto (Jeff) durante una lettura allo Steppenwolf, e poi, dal nulla, è arrivato questo messaggio di testo che dice, 'c'è questo ruolo che sta scendendo a picco, e penso che saresti un buon candidato per questo, mettiamoci su nastro.' '

Radar: Il ruolo del dottor Gabriel Fife è stato scritto come un personaggio su una sedia a rotelle o lo hanno incorporato perché ti hanno visto e ti sono piaciuto?

Mike: “Per quanto ne so, l'hanno incorporato. Perché quando ho fatto l'audizione, la sceneggiatura aveva parole come 'Dr. Fife entra nella stanza, e cosa no. 'Ho sentito cose sul set che originariamente erano state scritte per una donna
(ride), quindi chi lo sa? Da quello che ho ottenuto da quando ho fatto l'audizione originariamente, non c'è stata alcuna menzione di disabilità '.

Radar: Se fosse una donna, l'intero triangolo amoroso con Naomi (il personaggio di Audra McDonald) sarebbe stato molto più divertente! (ride)

Mike: (ride) 'Sarebbe stato davvero interessante, sì.'

'Entrare in una macchina ben oliata'

Radar: Com'è la scorsa stagione quando ti unisci a un cast affermato che sta insieme da due stagioni e diventi una specie di famiglia?

Mike: 'Questa è un'ottima domanda. Penso che in molti modi sarebbe stato un errore non riconoscerlo, ma penso che qualunque ansia e paura ho provato sapendo che stavo entrando in questa macchina già ben oliata e questo insieme coeso ha aiutato solo a interpretare Fife, tu sai, perché anche lui si sente certamente un outsider. L'unica differenza è che quando mi sento così, cercherò di fare amicizia
(ride), e quando si sente in quel modo, la sua arroganza raggiunge il massimo livello, quindi penso di aver sentito definitivamente che stava entrando nella famiglia, ma non potevano essere più gentili. Sono davvero persone meravigliose e con i piedi per terra, e questa è la verità '.

Radar: Ho appena capito che sei cugino Oliver del Brady Bunch! (ride)

Mike: (ride) 'Giusto, giusto ...!'

'Sei quel fottuto dottore!'

Radar: Il tuo carattere non è sempre così simpatico. Cosa ti dicono i fan?

Mike: 'Il mio primo tipo di lezione su come è diverso esibirsi di fronte a (ride) nove milioni di persone rispetto a 100 persone per notte a teatro .. Stavo prendendo una tazza di caffè presto, la mattina presto da Starbucks da Second City (teatro) dove insegno in una classe ed sono circa le nove del mattino, il che significa che con la mia disabilità mi alzo dalle 4 per arrivare in orario. Quindi sono
Prendo il mio caffè, e da dietro di me sento qualcuno dire, 'fottuto stronzo!' (ride). Mi sono solo congelato sulle tracce. e sto pensando, 'ho appena sentito correttamente?' E mi sono voltato, e c'è questa ragazza ... ben vestita ... sui 20 anni con quattro dei suoi amici, che mi fissano, e ho detto 'mi scusi?' e lei ha detto, 'sei quel ragazzo ... sei quel fottuto dottore!' '

Radar: OH MIO DIO!

Mike: “E io ho detto, 'sì, sì..ah..bene stai parlando dello show televisivo? E lei dice, 'sì ... sì ... tu sei quel dottore.' E io sono tipo, 'beh, sì, sono Mike.' Lei è tipo 'no, no, no. Sei il dottor Fife. 'E io dissi,' giusto, ma sì, ma io sono Mike. Interpreto la dottoressa Fife. 'Lei dice,' oh, giusto! Non sei davvero un dottore? 'Io,' no. '(Ride) Lei dice:' non sei un genetista? 'Vado,' no, sono un attore, in realtà ci sono
il mio modo di insegnare a un corso di recitazione in questo momento. 'E lei non mi credeva davvero al 100 percento, e le sue amiche scattavano una foto qua e là con i loro telefoni cellulari dietro di lei, e probabilmente era dopo il secondo o terzo episodio in onda, e dopo il quarto, l'account di posta elettronica ha iniziato a traboccare, e penso di aver iniziato a rendermi conto che è un po 'diverso, e ora ogni volta che esco qualcuno si ferma e saluta, e per la maggior parte, sono davvero entusiasti del personaggio e lo adorano ”.

Radar: Quell'unico fan pazzo a parte, hai effettivamente creato una pagina Facebook in modo da poter interagire con i fan di Private Practice.

Mike: 'Questa è stata una piccola discussione .. Immagino di essere solo un po 'preoccupato per il premio che attribuiamo alle celebrità, ed ero un po' preoccupato nel cercare di nutrire questa idea del tipo ... questo tipo di difficile articolazione .. ma mi sento come se non interagire fino a quando non diventa così insopportabile dove non puoi, e ci vogliono ore e ore e ore, perché quello che penso che insegna alle persone a lungo termine, si spera
è che non sei niente di speciale o sovrumano; sei un essere umano che fa le cose durante il giorno e non vive sotto il segno di Hollywood e viene filmato costantemente. Quindi l'idea per la fanpage, in un modo lungo e indiretto per rispondere alla tua domanda, era proprio quella ... toccare la base e mettere una sorta di voce umana attraverso un post sulla bacheca su ciò che stava accadendo per gestirlo un po ' e non lasciare che impazzisca. '

“St. Patrick’s Day 2003 - Ho avuto un terribile dolore al collo '

Radar: Il giorno di San Patrizio nel 2003, quando avevi solo 24 anni, la tua vita è cambiata per sempre. Puoi spiegarmi cosa è successo?

Mike: 'Nessun gioco di parole ...' (ride)

(Radar sospira)

Mike: “St. Il giorno di San Patrizio è sempre stato un giorno di (ride) impenitente celebrazione di ciò che pensavi fosse la tua invincibilità. Marciavo sempre alla parata del centro ... quindi andavo in centro come al solito e bevevo birre per tutto il giorno e, rispetto agli altri giorni di San Patrizio, ero decisamente sobrio, andavo a casa del mio amico e mangiavo del cibo, e il appena uscito non mi sentivo bene ... avevo un dolore terribile al collo ... e sono entrato nella macchina del mio amico, e quando abbiamo iniziato a dirigerci verso il mio appartamento, era il dolore più atroce. L'unico modo in cui posso descriverlo è stato come se un'intera squadra di football mi stesse in piedi sul collo con i tacchi alti. Mi ha portato al pronto soccorso, sono entrato e ho avuto qualche problema ad aprire la porta, stavo armeggiando con la maniglia e non riuscivo ad arricciare le dita correttamente per aprire la maniglia, e mi hanno chiesto se avevo bisogno di una sedia a rotelle, e io un po 'molto altezzoso ha risposto 'no' (ride), e sai, un grande cartello al neon di 'ironia' si è acceso sopra la mia testa ne sono sicuro, e poi mi sono seduto su un lettino da visita e ho detto che non riuscivo a respirare , e inizialmente pensavano che fossi drogato o qualcosa del genere, cosa che ovviamente non ero, e ho detto che non potevo più respirare, e davvero non potevo, ed ero fuori .. incubato e in coma farmacologico per qualche giorno'.

Radar: Era qualcosa chiamato 'ictus spinale', giusto?

Mike: “Lo chiamano un ictus spinale. Non sappiamo come sia successo o perché. Sembra che sia successo qualcosa al sistema vascolare '.

Radar: C'era una storia di questo nella tua famiglia o è successo all'improvviso?

Mike: “È stato davvero di punto in bianco. Mia nonna aveva sicuramente dei mini-ictus tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli anni '80. Hanno fatto dei prelievi spinali e hanno detto che era il fluido spinale più chiaro che avessero mai visto (ride), e non è emerso nulla, quindi se era qualcosa era già stato svuotato prima che mi fossi sottoposto agli esami, e quando mi sono svegliato, Ero quello che chiamano un 'tetraplegico incompleto' ... il che significa che il midollo spinale non lo era
reciso, ed è più un punto interrogativo in termini di recupero della mobilità.

“Quando mi sono svegliato, tutto quello che potevo davvero muovere erano la mia testa e i miei occhi. Non potevo parlare perché ero su un ventilatore per respirare per me, e molto rapidamente le cose hanno iniziato a svegliarsi. Mi hanno tolto il ventilatore e ho potuto parlare. Muovevo entrambe le braccia, entrambe le gambe. Tuttavia, ancora molto, molto debole, ei medici hanno detto: 'guarda questo è qualcosa chiamato ictus spinale, è incredibilmente raro; è come
vincere il lotto, non succederà mai più. '

Mike continua: 'Sono stato trasferito al Rehabiliation Institute di Chicago, e ho iniziato a fare riabilitazione ed ero quasi pronto per iniziare a imparare a stare in piedi da solo con un terapista - e questo è 12 giorni dopo il primo - e poi, è successo di nuovo. Quello mi ha mandato dall'altra parte della strada al Northwestern Hospital, e quello è stato piuttosto vizioso, perché non ha avuto la decenza di buttarmi fuori completamente, è stato esattamente come respirare attraverso un agitatore di caffè per due giorni, e poi il mio respiro è iniziato per tornare indietro, e qualcosa chiamato 'tono' impostato in cui è la tensione muscolare sul mio lato sinistro. Il mio braccio sinistro era quasi incollato al petto, ea quel punto è diventato un recupero molto lento, glacialmente lento, incrementale che ha coinvolto nove mesi di logopedia e anni di terapia fisica e occupazionale.

Radar: Quanti anni avevi allora?

Mike: 'Questo è stato 12 giorni dopo il mio 24 ° compleanno.'

'A Beautiful Realization'

Radar: Mentre ti stavi riprendendo, avevi paura di non essere in grado di agire di nuovo?

Mike: 'Sì, sai una cosa grandiosa che ne è venuta fuori è che hai un'idea molto chiara di quanto duramente dovrai lavorare se vuoi tornare a una sorta di livello contributivo della società e quello che era in realtà un La realizzazione davvero bella è stata che recitare e dirigere erano cose per le quali avrei indiscutibilmente combattuto, e penso che a volte non sappiamo quando siamo così giovani perché stavamo inseguendo questo .. se lo facevamo per motivi altruistici o se lo siamo farlo per ragioni più orientate all'ego. Stanislawski ha questa citazione di cui parlo molto in cui dice 'sii innamorato dell'arte in te stesso, non te stesso nell'arte'. E penso che come attore più giovane, penso che la percentuale più grande di me, mi piacerebbe pensare che fosse innamorata dell'arte, ma c'era sicuramente una parte malsana di me che era consapevole di sé e guidata dall'ego, e io penso che sia stato bello rendersi conto che no, in realtà sto inseguendo questo per le giuste ragioni. '

Radar: Siamo così abituati a vedere attori abili che interpretano ruoli disabili, come il giovane attore che interpreta Artie in Glee. Le persone sono sorprese quando vedono che sei effettivamente su una sedia a rotelle?



Mike: “Lo sono, sì. Questa donna ha pianto alla partita dei Cubs subito dopo che ho buttato via il primo tiro un paio di settimane fa. Dopo aver buttato fuori il primo tiro, ero di nuovo dietro il campo sinistro nelle viscere di Wrigley (campo) e questa donna ha detto 'Dr. Fife! 'E poi ho guardato la sedia a rotelle che ho e ho messo insieme due più due che non era quella dello show e ho detto' perché ci sei? 'Ed è gentile
le è venuto in mente, quindi penso che le persone stiano ancora mettendo insieme un po 'che questo non sia solo un oggetto di scena nello show (ride).

'Mettere di nuovo insieme Humpty Dumpty'

Radar: Sul tuo sito web ringrazi il personale dell'ospedale per aver 'rimesso insieme Humpty Dumpty': l'umorismo è stato una parte importante della tua guarigione?

Mike: 'Sì, penso che se non avessi il mio senso dell'umorismo ... sai, devi avere il senso dell'umorismo su quello che sta succedendo ..

“A un certo livello, sai sicuramente cosa sta succedendo e quanto è terribile la situazione. Sei circondato da bambini che stanno morendo o stanno combattendo per la loro vita, e allo stesso tempo devi avere il senso dell'umorismo su quello che stai passando, perché se fossi troppo realistico al riguardo, sarebbe terribilmente terribile .

'Penso che nella vita di tutti arriverà una situazione in cui, e potrebbe non essere così ovvio e dimostrativo come lo era il mio, ma dovremo scoprire quanto siamo forti .. e penso che la forza sia Là. Credo che sia in tutti. Dipende solo da quando e per come vieni chiamato. '

'Una sedia non è una condanna a morte'

Radar: Una cosa che mi ha colpito nel finale di Private Practice della scorsa stagione, stai parlando con il personaggio di Audra McDonald, Naomi, della possibilità che sua figlia rimanga paralizzata durante il parto e dici in modo molto intenso 'una sedia non è una condanna a morte'. Era solo un'altra riga, o c'era molto di più dietro quella semplice riga per te, come messaggio per le persone?

Mike: 'Una delle grandi cose di Private Practice, è che viene offerta soprattutto in queste scene ospedaliere, una meravigliosa opportunità di chiusura. C'è stato un periodo nella mia vita, un paio di anni dopo essere stato malato, non potevo essere vicino a un ospedale senza avere fondamentalmente un attacco di panico che qualunque cosa fosse accaduta sarebbe accaduta di nuovo, e l'ironia è che passi così tanto tempo a cercare di scappare da quell'ambiente, e poi (ride) ovviamente, la prima grande svolta importante ti riporta sul set in un ospedale. Quindi quella frase è stata fantastica, perché qui sei in questa stanza dove i tavoli sono completamente ribaltati ed è molto bizzarro e surreale, ma quell'episodio era sicuramente qualcosa di speciale. Penso che la battuta di follow-up fosse qualcosa del tipo 'sai che la gente mi diceva che tutto il tempo e per quanto volessi prenderli a pugni in faccia, avevano ragione'.

'Sicuramente, c'è un momento nella tua vita quando sei in ospedale di riabilitazione e qualcuno arriva per fare un discorso motivazionale sulla vita che puoi vivere e sono su una sedia a rotelle .. sono l'ultimo f ** re persona sulla terra che vuoi vedere. Vuoi vedere qualcuno camminare con le scarpe da corsa e dire 'hey, ho battuto!' Non vuoi vedere qualcuno che è disabile perché potrebbe significare che potrebbe succedere a te .. potrebbe essere una possibilità, e c'è un contrattaccare in quello.

Radar: Anche se usi una sedia a rotelle, puoi davvero stare in piedi, giusto?

Mike: “Trascorro un bel po 'di tempo nel deambulatore. Ne ho un paio in casa. Mi alzo e giro per casa. Sto cucinando e sto nel deambulatore quando insegno a volte, e usciremo per una vera lunga passeggiata, che in realtà non è una lunga distanza, solo circa un quarto di miglio o mezzo miglio, ma ci vogliono ore e ore, e questo è decisamente estenuante, è come l'equivalente di qualcuno che corre una maratona. Ma questa è una parte molto importante della ripresa. '

Pratica privata va in onda in un momento speciale giovedì 17 marzo alle 9 / 8c su ABC. L'episodio è intitolato Amore e bugie.

Michael e altri membri del team di improvvisazione della casa di The Gift Theatre si esibiranno per due serate di commedia a Los Angeles venerdì 18 e sabato 19 marzo all'Improv Olympic al 6366 Hollywood Blvd di L.A. Per ulteriori informazioni, vai a http://west.ioimprov.com/io/shows/1882

===========
Intervista condotta da Neil J. Woulfe, News Director di spiceend.com. Neil ha vinto 8 Emmy Award e ha ricevuto l'Edward R. Murrow Award per l'eccellenza nel giornalismo.